Sursil nasce a Milano nella seconda metà degli anni cinquanta dall'intuizione, innovativa in quegli anni, dei coniugi Leontino Surricchio e Neva Siliprandi: fabbricare imballaggi in plastica. 

E’ del 1958 il primo laboratorio Sursil, nello scantinato della palazzina in cui abitano: il parco macchinari è composto da due termosaldatrici a pedale, uscite di scena nei primi anni ’60 ma tutt’ora funzionanti e custodite in magazzino. 

Inizia nel 1960 la costruzione del primo reparto della sede di Pozzuolo Martesana. Sursil inizia a provvedere all’intero ciclo produttivo, dall’estrusione alla stampa alla termosaldatura di sacchetti in plastica.

Negli anni ’70 avviene il primo passaggio generazionale: il figlio Valdo ridisegna l’organizzazione aziendale a cavallo tra gli anni ’70 e gli anni ’80 e delinea le caratteristiche che rappresentano ancora oggi i punti di forza dell’azienda, ovvero ampia gamma di articoli, grande velocità nella produzione su misura, qualità top di gamma.

Negli anni ’90 vengono poste le basi di un primo sistema interno di gestione della qualità.

Nei primi anni ‘00 entra in azienda la terza generazione. In concomitanza con il passaggio del testimone, a cavallo del sessantennale della fondazione dell’attività, vengono inaugurati due nuovi reparti aziendali che garantiscono una migliore gestione dei processi, secondo i principi della  ‘lean production’.